Approfondimenti

Propoli: proprietà e quali sono gli utilizzi

propoli-utilizzi-e-proprieta

La propoli è un vero e proprio scrigno di proprietà benefiche per l’organismo.

Protegge le vie respiratorie e rinforza il sistema immunitario, dando sollievo a naso, bocca e gola in caso di disturbi da raffreddamento. Il suo potere purificante e cicatrizzante ne fa poi un ottimo rimedio naturale per svariati problemi della pelle.

In commercio esistono varie tipologie di propoli. Con alcool o senza alcool. Sotto forma di estratto secco o di sciroppo. Unguenti, creme, olio.

Ma quali usare e come?

Scopriamo quindi quali preparazioni scegliere in base alle diverse esigenze e come assumerle correttamente per sfruttare al meglio le virtù di questa preziosa sostanza.

Tintura madre di propoli: che cos’è e come si utilizza?

Si ottiene dalla macerazione in alcool della propoli grezza. E’ la forma migliore e più efficace con cui utilizzare la propoli in quanto consente di estrarre la maggior quantità dei principi attivi che contiene. Si può utilizzare in vari modi:

  • Per via interna: ottimo rimedio naturale in caso di disturbi da raffreddamento. Se ne assumono 30/40 gocce 2/3 volte al giorno, meglio se mescolate con un po’ di miele e qualche goccia di succo di limone. In questo modo le proprietà lenitive del miele si combinano con quelle purificanti della propoli. Inoltre il miele attenua il sapore forte ed acre della propoli, rendendolo più accettabile. Per l’elevato contenuto alcolico non è adatta ai bambini e a chi non può consumare alcool;
  • Per uso esterno: utile per purificare la pelle in caso di piccole ferite, micosi, porri e verruche. Basta applicarne qualche goccia sulla parte interessata finché il problema si risolve;
  • Come collutorio: utile per l’igiene del cavo orale, dove svolge un’azione lenitiva. Si diluiscono 10/15 gocce in mezzo bicchiere di acqua e brandy e si effettuano dei gargarismi un paio di volte al giorno.

Propoli grezza: che cos’è e come si utilizza?

Si tratta di propoli pura, non ancora lavorata. Si presenta come una massa nera e dura che si assume a pezzetti, 2/3 volte al giorno, facendola sciogliere in bocca senza masticarla. E’ un’alternativa alla tintura di propoli per il benessere della bocca, della gola e delle vie respiratorie.

Estratto secco di propoli: che cos’è e come si utilizza?

E’ un estratto in cui il solvente viene fatto evaporare ottenendo così una polvere. Viene utilizzato per la preparazione di compresse, capsule o sciroppi, molto spesso in associazione ad altri ingredienti per il benessere delle vie respiratorie come l’Echinacea, la Rosa canina, il Sambuco, la Malva o l’Altea. Preparazioni per rafforzare le difese dell’organismo ed aiutare la funzionalità delle vie aeree nella stagione fredda. Per la posologia ci si attiene a quanto indicato nella confezione in quanto dipende dalla quantità e dalla concentrazione di propoli utilizzata.

Spray gola alla propoli: a cosa servono e come si utilizzano?

Gli spray gola alla propoli servono come purificanti del cavo orale e per proteggere la gola.

Ci sono spray a base di estratto alcolico di propoli, ma anche quelli senza alcool più adatti per bambini e persone che non possono consumare alcool.

Anche in questo caso la propoli può essere associata ad estratti di piante officinali od oli essenziali, per potenziarne l’effetto.

Si spruzzano direttamente in gola, al massimo 4/5 volte al giorno.

Olio di propoli: che cos’è e come si utilizza?

Si ottiene mettendo la propoli grezza a macerare in un olio vegetale (olio di mais, olio di mandorle dolci, olio extravergine di oliva etc).

Svolge un’azione decongestionante, aiutando a dare sollievo e a proteggere naso ed orecchie dall’eccesso di muco. Utile come rimedio naturale in caso di naso chiuso e prurito alle orecchie.

Si applicano 1/2 gocce sulle narici, inspirando bene. Oppure 1/2 gocce sulle orecchie, coprendo poi con un batuffolo di cotone.

Unguenti e creme a base di propoli: a cosa servono e come si utilizzano?

Grazie alle sue proprietà cicatrizzanti e lenitive, la propoli è davvero ottima per prendersi cura della pelle.

Unguenti e creme a base di propoli si possono usare per trattare piccole ferite, graffi ed escoriazioni. Ma non solo. Ammorbidiscono i calli di mani e piedi, diminuendo l’insorgenza delle screpolature. Proteggono la cute e la purificano in caso di pelle grassa ed atopica.

Si applica una dose di unguento o crema sulla zona interessata con un leggero massaggio. In caso di ferite aperte applicare solo sui bordi del taglio.

Questo articolo è a puro scopo informativo, si basa sull’uso popolare tradizionale e sulla letteratura scientifica, e non vuole essere in alcun modo di natura prescrittiva. Prima dell’utilizzo di qualsiasi rimedio naturale chiedere consiglio al proprio medico curante.

Erbecedario Erboristeria online: vendita prodotti naturali, artigianali ed italiani

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

    Lascia una risposta

    COMMENTI RECENTI