Le cortecce nelle tisane

corteccia nelle tisane naturali

Le cortecce sono un ingrediente segreto nell’arte della preparazione delle tisane. Questo articolo esplora il mondo affascinante delle cortecce utilizzate nelle tisane, evidenziando le loro proprietà benefiche. 

Quali sono le cortecce che si possono usare per infusi e tisane?

Non tutte le cortecce per infusione sono uguali. Tra le più popolari e benefiche troviamo: 

    • Corteccia di Salice: la corteccia di Salice si ricava dai rami di circa 2-3 anni. Questa corteccia è particolarmente ricca di salicina, il famoso precursore dell’aspirina. La corteccia di salice è particolarmente utilizzata nella formulazione delle tisane per le sue spiccate proprietà antinfiammatorie. 
    • Corteccia di Cannella: la cannella è un albero sempreverde originario dello Sri Lanka, dalla cui corteccia del tronco si ricava l’omonima spezia. Oltre al suo aroma delizioso, la corteccia di cannella è nota per le sue proprietà antiossidanti e per la sua capacità di favorire la digestione. 
    • Corteccia di Quercia: la corteccia di questa pianta, grazie al suo contenuto di tannini, è nota per le sue proprietà astringenti e lenitive. Viene utilizzata sotto forma di decotto per il trattamento della diarrea o per favorire una corretta digestione. 
    • Corteccia di Cascara: corteccia nota per le sue proprietà lassative. È usata principalmente per alleviare la stitichezza, ma attenzione a non abusarne in quanto presa per lungo tempo può provocare la sindrome dell’intestino pigro. 
    • Corteccia di Frangula: grazie al suo contenuto in glucosidi antrachinonici mostra un’azione lassativa di tipo irritativo. La corteccia di questo arbusto si può trovare in taglio tisana pura o in miscela con altre erbe sinergiche all’azione lassativa. Anche per la Frangula, come per la Cascara, è bene non abusarne.

Come preparare una tisana usando le cortecce?

La preparazione di una tisana con le cortecce segue un processo leggermente diverso rispetto alle tisane fatte con solo foglie e fiori, dato che le cortecce sono generalmente più dure e richiedono un tempo di infusione più lungo per rilasciare i loro principi attivi. 

Raccolta e preparazione delle cortecce: è importante assicurarsi che le cortecce siano raccolte in modo sostenibile e da piante non trattate con pesticidi. Dopo la raccolta, le cortecce devono essere lavate, asciugate e conservate correttamente per mantenere le loro proprietà.

Dosaggio: la concentrazione delle cortecce in una tisana può variare a seconda della pianta e dell’effetto desiderato. È consigliabile seguire le indicazioni di un erborista esperto.

Miscelare bene le erbe: le cortecce, come le radici e i frutti, sono solitamente più pesanti rispetto a foglie e fiori. Si depositano quindi più facilmente sul fondo della miscela. Il rischio è quello di prendere un cucchiaio di miscela dalla superficie realizzando un’infusione con le parti più leggere della nostra tisana. Per questo si consiglia di mescolare bene le erbe prima dell’infusione. 

Metodo di estrazione: le cortecce richiedono un tempo di infusione più lungo rispetto a parti più morbide della pianta. Se nella miscela sono presenti in prevalenza cortecce e radici meglio preferire un decotto, altrimenti può bastare anche una semplice infusione. 

  • Decotto: processo utile per estrarre al meglio i composti attivi dalle parti più dure della pianta. Per realizzare un decotto si pone la miscela in acqua fredda e si porta ad ebollizione. Si lascia bollire per circa 10 minuti a fuoco lento, successivi spegne e si lascia riposare per altri 10 minuti. Quindi si filtra la tisana e si beve. 
  • Infuso: processo raccomandato quando in miscela prevalgono, parti più delicate della pianta come foglie e fiori. Porre la miscela in una tazza e versare acqua bollente, lasciare in infusione per 10 minuti circa, quindi filtrare e bere. 

Erbe sfuse o in bustina? Se possibile, prediligete le erbe sfuse per una maggiore qualità e autenticità. Le erbe in bustina sono spesso molto sminuzzate e ciò le rende difficilmente riconoscibili. Per questo motivo sono spesso più soggette a essere contraffatte con erbe simili ma di costo e qualità inferiore. Le tisane sfuse sono più green e più economiche, hanno un packaging minimal in buste di carta riciclabile e a parità di peso le tisane sfuse costano meno e rendono di più.

Tisane Erbecedario a base di cortecce

Le tisane Erbecedario a base di cortecce sfruttano le proprietà benefiche delle cortecce in combinazione con altre erbe officinali. Queste tisane sono state accuratamente formulate per fornire sollievo e benessere. Ogni infusione è una sapiente miscela di ingredienti scelti per le loro virtù, in cui la corteccia, con le sue proprietà uniche, gioca un ruolo fondamentale.

Tisana Respirobene a base di: Altea (radice), Timo (foglie), Sambuco (fiori), Tiglio (fiori e brattee) e Salice (corteccia). In questa formulazione la corteccia di Salice (con la fondamentale azione lenitiva) agisce in sinergia con altre erbe per favorire il benessere delle prime vie respiratorie

Tisana Artro Confort a base di: Betulla (foglie), Frassino (foglie) e Salice (corteccia). Diuretica e lenitiva. Questa tisana favorisce l’eliminazione degli acidi urici, grazie alla presenza di Betulla e Frassino) e dona sollievo in caso di tensioni muscolari e articolari, grazie alla corteccia di Salice. 

Tisana Mes a base di: Salice (corteccia), Melissa (foglie), Verbena (foglie) e Achillea (sommità fiorite). Lenitiva, spasmolitica e rilassante. Tisana che favorisce il benessere durante il ciclo mestruale, nello specifico Melissa e Verbena favoriscono il rilassamento e la distensione della muscolatura addominale, l’Achillea e il Salice aiutano a calmare gli spasmi dolorosi del ciclo. 

Tisana dello Speziale a base di: Ibisco (fiori), Rosa di bosco (cinorrodi), Mela (frutto), Rooibos (foglie) e Cannella (corteccia). Ingredienti ricchi di vitamina C, minerali e antiossidanti. Tisana antiossidante e riscaldante, dall’aroma intenso e speziato, perfetta per le fredde serate invernali. 

In conclusione, nell’universo delle tisane, le cortecce rappresentano una sinfonia silenziosa ma potente. Questa antica saggezza botanica ci insegna che anche ciò che sembra duro e inospitale, come la corteccia di un albero, può nascondere benefici insospettati. 

Questo articolo si basa sull’uso popolare tradizionale e sulla letteratura scientifica. Le informazioni ed i consigli presenti non sono di natura prescrittiva o curativa, ma hanno solo uno scopo informativo.

Schede Erbe: 

Per maggiori informazioni sulle Erbe presenti sull’articolo cliccare sui seguenti link: 

Cannella, Cinnamomum zeylanicum Blume, Cinnamomum verum J. Presl
Frangula, Rhamnus frangula L.
Quercia, Quercus robur L. Quercus peduncola Ehrh.
Salice , Salix alba L.

Scopri di più
Erbecedario Linea Verde Discovery Rai Uno 1 giugno 2024 Vendita online prodotti e rimedi naturali cura pelle corpo erboristeria Erbecedario Prodotti naturali erboristici per diverse esigenze di benessere Consulenza gratuita con le Erboriste di Erbecedario I prodotti consigliati dagli Erboristi di Erbecedario

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

    Lascia una risposta