Approfondimenti

Tea tree oil: a cosa serve, domande frequenti e come usarlo in modo efficace

Olio essenziale Tea tree oil

Il tea tree oil è uno dei prodotti naturali più diffusi e praticamente ognuno di noi ne ha in casa almeno una boccetta.

Molto spesso però si è spinti ad acquistarlo da una pubblicità che lo propone come una panacea o dal consiglio di amici e parenti, ma in realtà poi non si sa come utilizzarlo.

In questo articolo rispondiamo ad alcune delle più frequenti domande che ci vengono poste in erboristeria sull’olio essenziale di tea tree, in modo da rendere più consapevole e facile il suo uso.

Si estrae dalla pianta del tè?

Il nome tea tree può trarre facilmente in inganno e indurre molte persone a pensare che questo olio essenziale derivi dall’albero del tè. Ma non è così. Infatti questo nome gli venne attribuito dal capitano inglese James Cook, il quale imparò dagli aborigeni australiani a preparare una bevanda rinfrescante, molto simile al the, con le foglie di questo albero.

In realtà il tea tree oil è ottenuto dalla distillazione in corrente di vapore delle foglie della Malaleuca alternifolia, una pianta che cresce spontanea nella costa dell’Australia del Nord.

Curiosità: per ottenere 1 kg di olio essenziale servono all’incirca 78 kg di foglie fresche.

Si può utilizzare puro sulla pelle?

Anche se l’olio essenziale di tea tree è uno di quelli che possiede maggiore affinità con la pelle è sempre meglio diluirlo prima di utilizzarlo sulla pelle.

In base alle indicazioni e all’uso che se ne deve fare si può mescolare con un olio vegetale, con una crema, con uno shampoo o con un bagnodoccia in una percentuale dall’1% al 5%.

L’applicazione dell’olio essenziale puro è consigliabile solo sulle unghie.

Per uso esterno si può utilizzare anche sulla pelle dei bambini o durante la gravidanza e l’allattamento.

Prima di qualsiasi uso è comunque consigliabile testare sempre il prodotto applicandolo, diluito, sulla cute dell’avambraccio ed attendere 24/48 ore per verificare l‘eventuale insorgenza di allergie individuali.

Si può ingerire?

Come per tutti gli oli essenziali è sconsigliato l’uso interno se non su consiglio di un medico esperto in aromaterapia. E’ infatti un prodotto molto concentrato e potente, da utilizzare con molta attenzione. Anche solo poche gocce in più possono essere sufficienti per avere un effetto tossico ed irritante sulle mucose interne, anziché l’effetto benefico desiderato.

A cosa serve e come si usa?

Gli aborigeni utilizzavano le foglie di questa pianta per curare le infezioni cutanee e per proteggersi dagli insetti particolarmente numerosi nelle aree paludose dove vivevano. Ma fu solo dopo la prima guerra mondiale che le proprietà del tea tree oil saranno note alla scienza. Il primo a confermare i benefici dell’albero del tè fu il dottor Penfold, che nel 1925 pubblicò la scoperta che il tea tree oil aveva un potere disinfettante tredici volte più potente dell’acido fenico, l’antisettico più usato in quel momento. Oggi è presente un’ampia letteratura scientifica che mette in evidenza le sue proprietà purificanti, antibatteriche, antifungine, antinfiammatorie grazie alle quali può essere utile per:

  • pelle grassa ed impura: è in grado di normalizzare la produzione di sebo da parte della cute, migliorando il suo aspetto in caso di inestetismi causati da foruncoli e piccoli brufoli. Sciogli 3-4 gocce di tea tree oil in un cucchiaino di olio di mandorle dolci o 30-40 gocce in 50 ml di crema ed applica sulla pelle un paio di volte al giorno, dopo un’accurata detersione;
  • onicomicosi: l’applicazione di 1-2 gocce pure per 2-3 volte al giorno può essere utile per contrastare questo disturbo che può colpire le unghie di mani e piedi. Per un risultato evidente l’uso deve essere costante e prolungato nel tempo (all’incirca 2-3 mesi);
  • capelli grassi: l’olio essenziale di tea tree può essere un valido aiuto per aiutare a contrastare l’eccessiva produzione di sebo ed il prurito del cuoio capelluto. Sciogli 60-70 gocce in 200 ml di shampoo, balsamo o in un olio per capelli ed utilizza poi il prodotto come da consueto.;
  • igiene e pulizia del cavo orale: il tea tree può essere al posto del classico colluttorio per favorire il benessere di denti, gengive e rinfrescare l’alito. Basta scioglierne 4-5 gocce in mezzo bicchiere ed effettuare dei gargarismi.;
  • benessere vie respiratorie: può essere impiegato per affrontare i tipici malanni di stagione delle vie aeree sottoforma di suffumigi (2-3 gocce in acqua bollente e respirare i vapori coprendosi la testa con un asciugamano) o frizionandolo sul petto con un leggero massaggio (2-3 gocce diluite in po’ di crema o un cucchiaino di olio vegetale);
  • benessere vie urinarie: effettuare dei lavaggi aggiungendo 20/30 gocce in 100 ml di tea tree al proprio detergente intimo può essere utile per favorire l’igiene intima contrastando la sensazione di bruciore e prurito;
  • zanzare ed insetti: la sua fragranza risulta sgradita a zanzare e pidocchi, molto utile quindi per tenere lontano le zanzare e nella prevenzione dei pidocchi, anche ad uso veterinario su cani e gatti.

Si può abbinare ad altri oli essenziali?

L’olio essenziale di tea tree può essere utilizzato da solo ma anche in sinergia ad altri oli essenziali.

In particolare:

  • Per la pelle: può essere abbinato all’olio essenziale di Lavanda
  • Per i capelli grassi: può essere abbinato all’olio essenziale di Rosmarino
  • Per il cavo orale: può essere abbinato agli oli essenziali di Chiodo di Garofano, Menta piperita e Cannella
  • Per le vie urinarie: può essere abbinato all’olio essenziale di Timo
  • Per le vie respiratorie: può essere abbinato agli oli essenziali di Eucalipto, Pino Mugo e Pino Silvestre

Fonti:

  • Drury S. (1991). L’olio di Tea Tree, Le proprietà terapeutiche di Malaleuca alternifolia. Ed. Tecniche Nuove
  • Campagna P. (2016). Gli oli essenziali oggi manuale di aromaterapia scientifica. Ed. Flora
  • Valussi M. (2013). Il grande manuale dell’aromaterapia, fondamenti di scienza degli oli essenziali. Ed. tecniche Nuove

Schede Erbe:

Per informazioni sulle Erbe presenti sull’articolo cliccare sui seguenti link:

LavandaLavanda officinalis Chaix
MentaMentha x piperita L.
RosmarinoRosmarinus officinalis L.
TimoThymus vulgaris L.
CannellaCinnamomum zeylanicum Blume, Cinnamomum verum J. Presl
EucaliptoEucalyptus globulus  Labill
Pino MugoPinus mugo Turra

Erbecedario Erboristeria online: vendita prodotti naturali, artigianali ed italiani

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

    Lascia una risposta

    COMMENTI RECENTI