Errori comuni che si fanno con le creme solari

crema protezione solare

Quando si tratta di proteggere la pelle dal sole, le creme solari sono il migliore alleato. Tuttavia, non basta semplicemente spalmare un po’ di crema sul corpo: è importante usare i solari in modo adeguato evitando di commettere alcuni errori che possono ridurre l’efficacia del prodotto e mettere a repentaglio la salute della nostra pelle. Imparare a evitare questi errori comuni può aiutarci a ottenere una protezione solare adeguata e duratura.

Creme solari: 9 errori comuni

Per usare correttamente la protezione contro i raggi UV non si devono commettere questi sbagli molto frequenti.

Non applicare a sufficienza

Uno degli errori più comuni è applicare una quantità insufficiente di crema solare. Per una protezione efficace, è necessario applicare una quantità generosa su tutte le aree esposte della pelle, massaggiando bene finché si assorbe completamente.

Quanta crema solare mettere? La quantità giusta di crema per garantire il fattore di protezione dichiarato in etichetta è di circa 2 mg per centimetro quadrato. Se si usa meno crema protettiva, sarà più basso anche il fattore di protezione.

Applicare la crema una sola volta

La protezione solare è efficace solo per un periodo limitato di tempo, quindi non basta applicarla una sola volta ma è necessario ripetere l’applicazione regolarmente nell’arco della giornata.
Ogni quanto mettere la crema solare? Si consiglia di riapplicarla almeno ogni due ore e subito dopo essere usciti dall’acqua, anche se il prodotto è resistente all’acqua.

Spalmare la crema solo su alcune zone del corpo

Come mettersi la crema solare? Molte persone concentrano l’applicazione della crema solare solo su determinate zone del corpo come viso, spalle, braccia, gambe e petto ma il sole può danneggiare la pelle in ogni area esposta. È essenziale quindi proteggere anche le zone più trascurate come labbra, collo, orecchie, piedi, capelli e qualsiasi altra parte del corpo che non sia coperta dai vestiti.

Usare la crema solare solo in spiaggia / al mare

Molte persone credono che la crema solare sia necessaria solo quando si trascorre del tempo diretto sotto il sole cocente. Ma attenzione, in realtà la pelle è esposta ai nocivi raggi UV ogni giorno, anche quando si è in città o si fa una passeggiata al parco. Applicare la crema solare come parte della tua routine quotidiana è un’abitudine saggia che ti aiuterà a proteggere la tua pelle tutto l’anno prevenendo i danni alla pelle nel lungo termine, come rughe, macchie solari e invecchiamento precoce. Quindi quando va messa? La crema va usata anche quando si è sotto l’ombrellone in quanto, anche se si è all’ombra, i raggi solari ci raggiungono ugualmente poiché vengono riflessi dalla sabbia e dalla superficie dell’acqua.

Non prestare attenzione alla data di scadenza

Le creme solari hanno una durata, viene infatti sempre indicata la data di scadenza sull’etichetta. Utilizzare una crema solare scaduta può ridurre l’efficacia della protezione solare ed avere come conseguenze scottature, irritazioni ed arrossamenti. È bene quindi controllare sempre la data di scadenza prima di utilizzare una crema solare e sostituirla se è scaduta (anche se non è stata aperta).

Mettersi la crema direttamente in spiaggia

È importante sapere che la crema solare ha bisogno di tempo per essere assorbita dalla pelle e offrire la massima protezione. Per ottenere i migliori risultati, è necessario applicare la crema solare almeno mezz’ora prima di esporsi al sole. Quando mettere la crema? È consigliabile spalmare la crema solare già a casa o in hotel, prima di recarsi in spiaggia. In questo modo si riesce anche ad applicare la crema in modo uniforme in tutto il corpo, evitando di ritrovarsi con strisce di pelle arrossata, ad esempio in prossimità del costume.

Usare una crema solare con SPF non adeguato

Usare una crema solare con un fattore di protezione solare (SPF) non adeguato è un errore che molte persone commettono quando si tratta di proteggere la propria pelle dal sole. Ad esempio, chi la pelle scura o olivastra, molto spesso pensa di non avere bisogno della crema, e fa male. Se è vero che chi ha la carnagione mediterranea ha un minor rischio di scottarsi, è anche vero che è comunque soggetto a danni da esposizione ai raggi UV come macchie solari, invecchiamento precoce fino ad arrivare al cancro della pelle. È importante quindi usare sempre una crema solare con spf adeguato al proprio fototipo per proteggere la pelle da questi danni.

Non usare altri elementi per proteggersi dal sole

La crema solare è fondamentale, ma non è l’unica forma di protezione solare. Combinare l’uso della crema solare con altre misure di protezione come l’ombrello, un cappello a tesa larga, gli occhiali da sole e indossare abbigliamento protettivo leggero può aumentare la tua difesa contro i raggi solari.

Truccarsi con un make up tradizionale

Quando ci prepariamo per una giornata al mare, è consigliabile evitare di applicare trucco sulla pelle. Tuttavia, se si sente la necessità di indossare un make-up, è importante optare per prodotti specifici che siano adatti all’esposizione solare e possibilmente contengano un filtro solare. In ogni caso, è fondamentale applicare la crema solare come base protettiva.

Proteggere la pelle dal sole non è solo una questione di evitare le scottature: è un modo per prenderti cura del tuo benessere e della tua bellezza a lungo termine. Segui questi consigli per evitare gli errori comuni e goditi l’estate in tutta sicurezza. Con la giusta protezione solare, puoi mantenere la tua pelle sana, idratata e giovane mentre godi delle meraviglie del sole.

Questo articolo si basa sull’uso popolare tradizionale e sulla letteratura scientifica. Le informazioni ed i consigli presenti non sono di natura prescrittiva o curativa, ma hanno solo uno scopo informativo.

Scopri di più
Erbecedario Linea Verde Discovery Rai Uno 1 giugno 2024 Prodotti naturali igiene e pulizia corpo Erbecedario Vendita online prodotti e rimedi naturali contro stanchezza erboristeria Erbecedario I prodotti consigliati dagli Erboristi di Erbecedario

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

    Lascia una risposta