Approfondimenti

I benefici della Tintura Madre di Pilosella

pilosella

Definizione

La Pilosella (Heriacium pilosella L.), è una pianta erbacea della famiglia delle Asteraceae. E’ una pianta perenne caratterizzata da un lungo stolone, foglie ovali allungate disposte in rosette all’apparenza bianche a causa dai numerosi peli bianchi presenti su entrambe le lamine fogliari. I capolini sono invece composti da fiori ligulati di colore giallo.

La parte della Pilosella utilizzata in erboristeria, definita come droga, è l’intera pianta.

Come si ottiene la Tintura Madre di Pilosella? 

La Pilosella viene raccolta nel periodo tra giugno e luglio, durante il periodo balsmico. Successivamente alla raccolta viene spezzettata a mano e messa a macerare in una soluzione idroalcolica con una gradazione finale di 65°. Viene lasciata a macerare per circa 30 giorni per poi essere torchiata e filtrata.

Che principi attivi contiene?

  • flavonoidi: luteolosine, glucosidi dell’apigenina;
  • cumarine: umbelliferone;
  • acidi polifenolici: acido caffeico, acido clorogenico;
  • saponosidi triterpenici; sesquiterpeni; tannini; allantoina.

Rimandiamo al nostro approfondimento per scoprire la definizione e le caratteristiche delle Tinture Madri.

Quali proprietà le sono attribuite?

La Pilosella è molto usata per la sua azione sullo stimolo della diuresi. Infatti questa pianta oltre ad essere utile per aumentare il volume dei liquidi eliminati, aiuta anche ad eliminare le tossine accumulate. Grazie al suo effetto drenante aiuta ad eliminare gli acidi urici, l’azoto e il cloro che si potrebbero accumulare in eccesso nell’organismo. Utile anche in caso di sanguinamento del naso e di infezioni bronchiali in quanto agisce in modo benefico a livello del tessuto bronchiale e tracheale. Grazie alle sue proprietà antibatteriche è molto utile anche contro la brucellosi.

Come si può usare?

Sottoforma di tintura madre è maggiormente usata per il suo effetto linfodrenante e diuretico oltre che per il benessere delle prime vie respiratorie in caso di malanni invernali. A seconda della probleatica la Tintura Madre di Pilosella viene usata in associazione con altre piante in Tintura Madre o Macerato Glicerico che agiscono in sinergia potenziandone l’effetto.

Controidicazioni

La Pilosella può portare a quella che si definisce Ipocoagulabilità sanguigna.

Effetti collaterali e tossicità

Non sono evidenziati particolari effetti collaterali o tossicità peculiari.

Associazioni con altri prodotti:

  • Per l’azione diuretica con: Tintura Madre Equiseto; Tintura Madre Tarassaco; Tintura Madre Verga d’oro; Tintura Madre Uva ursina; Tintura Madre Timo; Tintura Madre Ginepro; Gemmoderivato Betulla linfa; Gemmoderivato Ribes nero.
  • Per l’azione a livello delle vie respiratorie: Tintura Madre Erisimo; Tintura Madre Verbasco; Tintura Madre Piantaggine; Tintura Madre Salice; Gemmoderivato Carpino; Gemmoderivato Ontano nero; Gemmoderivato Ribes nero; Gemmoderivato Viburno.

Fonti:

Tinture Madri in fitoterapia. Massimo Rossi. Studio Edizioni.

Dizionario ragionato di erboristeria e di fitoterapia. A. Bruni- M. Nicoletti. Ed. Piccin.

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

    Lascia una risposta