Approfondimenti

Le proprietà della Piantaggine, antistaminico naturale

proprietà Piantaggine antistaminico naturale

Uno dei fastidiosi sintomi delle allergie è la lacrimazione agli occhi. Gli occhi bruciano, si infiammano e la secrezione oculare aumenta. Per non parlare del catarro e la difficoltà respiratorie.

Come ottenere sollievo da questi sintomi in modo naturale?

La Piantaggine può essere la pianta officinale più adatta. Vediamo insieme le sue proprietà e le preparazioni naturali che possono essere utilizzate per combattere la lacrimazione e il bruciore agli occhi.

Proprietà della Piantaggine

La Piantaggine (Plantago major L.) è una pianta dalle spiccate proprietà antinfiammatorie, espettoranti,  astringenti ed antiallergiche.

Grazie alla presenza nelle sue foglie di principi attivi come:

  • Aucubina (responsabile dell’effetto antiallergico ed antistaminico);
  • Mucillagini (effetto emolliente ed espettorante);
  • Flavonoidi (effetto diuretico);
  • Tannini (effetto astringente ed antivirale).

Le foglie di questa pianta  vengono usate per effettuare impacchi sugli occhi e sulla pelle. Usata, quindi, nel trattamento di congiuntiviti e di affezioni cutanee (es. acne, prurito allergico, orticaria).

Oppure in Tintura Madre, cioè in gocce da prendere per via orale. In questa preparazione la Piantaggine esercita un effetto benefico sulle vie respiratorie. Aiuta ad espettorare il muco e il catarro migliorando la respirazione. Valido rimedio naturale in caso di allergia e stati influenzali.

Come si usa?

L’aucubina è un principio attivo che si inattiva con il calore. Quindi sono da evitare infusi e decotti in quanto si impedisce la liberazione di questo speciale principio attivo. Si riesce ad estrarre bene l’aucubina in acqua, effettuando una macerazione a freddo, oppure in Tintura Madre ottenuta dalla pianta fresca.

Impacco di piantaggine

Vediamo come si prepara un impacco con la Piantaggine, utile in caso di lacrimazione e bruciore agli occhi. Per prima cosa mettere 2 cucchiai di foglie in 250ml di acqua fredda. Si lascia a macerare per 2 ore circa e successivamente si filtra. Con il preparato ottenuto si imbevono delle garze o dei fazzoletti di cotone, si strizzano leggermente e si applicano sugli occhi per circa 5-10 minuti.

Tintura madre di Piantaggine

La Tintura Madre di Piantaggine si utilizza per via interna. Si assumono 60 gocce in un bicchiere d’acqua, 2 volte al giorno, meglio se dopo i pasti. Aiuta ad eliminare il catarro dalle vie aeree e a migliorare la respirazione. Mostra proprietà espettoranti ed antinfiammatorie, utile per il trattamento dei sintomi dell’allergia come rinite, prurito ed asma.

Fonti:
– Dizionario di fitoterapia e piante Medicinali. Erica Campanini. Tecniche nuove.
– L’uomo, la fitoterapia e la gemmoterapia. Bruno Brigo. Tecniche nuove.

Tintura Madre Piantaggine

100903a_Tintura-Madre-Piantaggine-am

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

    Lascia una risposta