Approfondimenti

Passiflora: proprietà e benefici per difficoltà ad addormentarsi e insonnia

Passiflora foto e immagini

I problemi legati al sonno possono essere molti e possono riguardare sia la quantità ma anche la qualità del sonno. Può capitare ad esempio di avere difficoltà ad addormentarsi, di ritrovarsi dopo poche ore con gli occhi sbarrati, di svegliarsi molte volte durante la notte, di continuare a rigirarsi sul letto oppure di avere un sonno leggero.

Dormire è fondamentale per il benessere del corpo e se questa situazione si presenta in modo frequente può diventare un problema vero e proprio, causando disturbi che possono compromettere l’umore, il sistema nervoso, il sistema immunitario, la concentrazione e la memoria.

E’ necessario quindi ricorrere ad un aiuto per favorire il sonno e ristabilire un corretto ritmo sonno-veglia. Un esempio può essere la Passiflora. Conosciamola meglio in questo articolo.

Passiflora: cos’è, proprietà, benefici

La Passiflora (Passiflora incarnata L.), è una pianta rampicante appartenente alla famiglia delle Passifloriaceae.

Possiede foglie palmato-ovali da cui si diramano numerosi viticci con cui la pianta si attacca ai sostegni e fiori grandi, sgargianti ed appariscenti la cui forma ricorda le spine della passione di Cristo. Per questo vengono chiamati popolarmente “fiori della passione”, mentre alla pianta è stato attribuito il nome di Passiflora, dal latino passio=passione e flos=fiore.

Originaria del Sud America, oggi viene coltivata nelle zone temperate di tutto il mondo a scopo ornamentale e per le sue benefiche proprietà.

La parte aerea contiene infatti alcaloidi, flavonoidi, acidi fenolici, cumarine, fitosteroli ed olio essenziale. Preziose sostanze che sarebbero in grado di legarsi parzialmente ai recettori cerebrali delle benzodiazepine, svolgendo così un’azione sedativa e calmante sul sistema nervoso. Favorisce il rilassamento del corpo ed aiuta a placare ansia, nervosismo e stress. Grazie a queste proprietà la passiflora è uno dei rimedi naturali più consigliati per favorire un sonno riposante e ristoratore. Utile soprattutto quando la difficoltà a dormire è causata da stress, ansia, preoccupazioni, stati depressivi, intenso lavoro intellettuale o disturbi legati alla menopausa. L’effetto che si ottiene è più blando rispetto ai noti farmaci, ma il suo utilizzo non crea effetti collaterali come dipendenza, assuefazione e senso di stordimento al risveglio.

La passiflora possiede inoltre note proprietà spasmolitiche, che unite all’azione rilassante ed ansiolitica, la rendono un efficace rimedio per tachicardia, gastrite, dolori addominali e colite di origine nervosa. Per la sua capacità di calmare spasmi e tensioni muscolari viene utilizzata anche per contrastare i dolori mestruali.

Come si assume prima di addormentarsi

La passiflora si può assumere come:

  • Tisana: si prepara un infuso mettendo 1 cucchiaio di erba secca in una tazza d’acqua bollente e lasciando il tutto in infusione per circa 10 minuti. Se ne bevono 2/3 tazze al giorno, di cui una alla sera prima di andare a dormire.
  • Tintura madre: 60 gocce 2 volte al giorno, di cui una alla sera prima di andare a dormire.
  • Estratto secco: in compresse, pastiglie od integratori liquidi. 2/3 somministrazioni al giorno, di cui una sempre alla sera prima di coricarsi.

Tutti questi prodotti naturali si possono acquistare in erboristeria o in farmacia, anche on line.

Per ottenere un beneficio si consiglia di assumere la passiflora per almeno 20/30 giorni. Si può poi continuare l’utilizzo fino a tre mesi, in seguito ai quali è meglio effettuare almeno 15/20 giorni di interruzione prima di iniziare un nuovo ciclo.

Può essere utilizzata da sola, oppure in abbinamento con altre piante ad azione rilassante ed ansiolitica come Biancospino, Valeriana, Escolzia, Melissa, Griffonia.

Controindicazioni ed effetti collaterali

La letteratura non segnala effetti collaterali alle dosi consigliate.

E’ controindicata in caso di ipersensibilità individuale alla pianta, in gravidanza e durante l’allattamento in quanto non ci sono dati attendibili del suo effetto a livello del feto.

Inoltre è sconsigliata l’assunzione insieme ai farmaci di sintesi che agiscono sul sistema nervoso per la possibile sommazione dell’effetto.

Fonti:

  • Dhawan K. et al. Anxiolytic activity of aerial and underground parts of Passiflora incarnata. Fitoterapia 72, 922-926, 2001.
  • Dhawan K. et al. Anti-anxiety studies on extracts of Passiflora incarnata Linneaus. J. Ethnopharmacol. 78, 165-170, 2001.
  • Akhondzadek S. et al. Passionflower in the treatment of generalized anxiety: a pilot double blind randomized controlled trial with oxazepam. J. Clin. Pharm. Ther. 26, 363-377, 2001.
  • Dhawan K. et al. Comparative Anxiolytic Activity Profile of Various Preparations of Passiflora incarnata Linneaus: A Comment on Medicinal Plants’ Standardization. J Altern Complement Med 8(3):283-91, 2002.

Per avere maggiori informazioni sui prodotti naturali cliccare sui link seguenti o sulle immagini:

Sciroppo Vita Serena

 

 

 

 

 

 

 

 

Gocce del Benessere Relax

100148a_Gocce-del-Benessere-Relax-am

 

 

 

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

    Lascia una risposta

    COMMENTI RECENTI