Approfondimenti

Le proprietà dello Zenzero anti nausea e per cinetosi (mal d’auto e mal di mare)

Zenzero proprietà anti nausea chinetosi mal d’auto mal di mare

Comincia la bella stagione e con essa aumenta la voglia di viaggiare. La paura di stare male a causa della cinetosi / chinetosi (ovvero il mal d’auto o il mal di mare) può spegnere ogni iniziativa. Un malessere che può rovinare il viaggio provocando nausea, vertigini, vomito, disturbi di stomaco e mal di testa, sia negli adulti che nei bambini.

Ma niente paura, la Natura ha pensato anche a questo problema!

Tra i rimedi naturali si trovano:

  • la Menta: spesso si masticano caramelle o gomme alla menta durante il viaggio per trovare un po’ di sollievo. Aiuta a calmare il mal di stomaco, migliora la digestione e attenua la sensazione di nausea, ma non è efficace quanto… lo zenzero!!
  • lo Zenzero: è la pianta più efficace contro la cinetosi, attività consolidata da numerosi studi scientifici. Ma conosciamo meglio le sue virtù in questo articolo

Zenzero proprietà e benefici

Lo Zenzero (Zingiber officinale Roscoe), una pianta che viene dall’Oriente e che, grazie alle sue proprietà medicinali, si sta diffondendo sempre di più anche in Occidente.

Una radice dalla forma caratteristica che ora si trova facilmente in commercio.

Dapprima considerata come una semplice spezia esotica dall’intenso gusto piccante, oggi viene vista con occhi diversi grazie alla rapida diffusione delle conoscenze sulle sue virtù, non come spezia, ma come valido rimedio naturale.

Il rizoma dello Zenzero, infatti, è da tempo utilizzato come rimedio medicamentoso in Cina e in India. Nella medicina tradizionale cinese viene usato come tonico e come rimedio contro intossicazioni e avvelenamenti, ma anche per prevenire il mal di mare nei lunghi viaggi.

Mostra una efficace azione benefica in caso di nausea, vomito e difficoltà digestive.

Tutte le proprietà terapeutiche dello Zenzero sono da attribuire al suo contenuto di principi attivi. Nel suo rizoma sono presenti:

  • Gingerolo: principio attivo responsabile del gusto piccante e a cui viene attribuito il merito degli effetti benefici (anti-nausea e digestivi) di questa pianta. Non è un caso che la sua struttura chimica sia molto simile a quella della capsaicina (molecola responsabile della piccantezza del peperoncino).
  • Shogaolo: principio attivo che si dimostra particolarmente antinfiammatorio ed efficace nella regolarizzazione delle contrazioni gastriche. A questo principio attivo si deve la proprietà anti-ulcera dello Zenzero.
  • Olio essenziale: contenuto nel rizoma dall’0,8 al 2%. Ottenuto per distillazione in corrente di vapore, si rivela molto utile per l’utilizzo esterno in massaggi, impacchi e per purificare l’aria di casa.

Zenzero rimedio naturale per chinetosi e nausea

Nel corso della storia, lo Zenzero, è stato utilizzato soprattutto come rimedio naturale per i disturbi dello stomaco. L’uso nella tradizione dei popoli orientali, trova oggi conferma in numerosi studi scientifici.

In particolare mostra importanti proprietà benefiche per problematiche come:

  • Mal di mare e mal d’auto (cinetosi / chinetosi): l’uso dello Zenzero si è mostrato molto efficace nel prevenire i classici sintomi della cinetosi, ovvero disturbi gastrointestinali e nausea (Mowrey D.B., 1982). Contrasta la nausea e le vertigini. Si può assumere in fette candite o in tisana (prima di partire per un viaggio e all’arrivo) oppure si può annusare l’olio essenziale (mettendo qualche goccia in un fazzoletto di cotone).
  • Nausea e vomito: mostra una spiccata azione antinausea sia a stomaco pieno che a digiuno. Tale azione non sarebbe di origine nervosa ma conseguente agli effetti diretti sull’attività digestiva. E’ stato notato, infatti, che i principi attivi dello zenzero bloccano a livello gastrico i recettori della serotonina (responsabili del principio del vomito) e riducono, di conseguenza, il segnale emetico al cervello (Capasso F., 2011).
  • Nausea da gravidanza: una review (Borrelli F., et al., 2005) ha valutato 6 studi eseguiti in modo corretto su 675 donne, giungendo alla conclusione che lo zenzero è efficace per diminuire il vomito e la nausea in gravidanza. L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ritiene lo zenzero un efficace trattamento per la nausea gravidica. Si sottolinea comunque che l’assunzione dello zenzero in stato interessante deve comunque avvenire sotto il controllo del medico.
  • Cattiva digestione: il rizoma di zenzero è tradizionalmente usata come tonico e digestivo. Sfruttata in caso di difficoltà digestive e ipo-acidità gastrica in quanto stimola l’aumento della saliva e la secrezione dei succhi gastrici. Aumenta, inoltre la motilità intestinale attivando la peristalsi, previene quindi la stitichezza e disturbi a livello intestinale (es. gonfiore).
  • Ulcera gastrica: grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, lo zenzero protegge la mucosa gastrica e intestinale (Sameh S.Z., et al., 2015). Spesso questo disturbo è un effetto collaterale di alcuni farmaci, e lo zenzero può essere un utile rimedio per prevenire lesioni e infiammazioni a livello dello stomaco. Inoltre, alcuni studi sottolineano il suo ruolo protettivo anche contro l’Helicobacter pylori, una delle principali cause dell’ulcera gastrica.

Come si può assumere lo zenzero

Ci sono diversi modi per consumare lo Zenzero: il rizoma si trova in commercio fresco, essiccato e candito / caramelle (per chi fosse interessato, ecco la nostra ricetta per preparare caramelle allo zenzero fatte in casa, ma attenzione alla freschezza del prodotto e al contenuto di conservanti).

Si può trovare anche sotto forma di:

  • Tisana: si può realizzare un infuso sia con zenzero fresco (tagliato in fette sottili) che secco. Si lasciano in infusione per circa 10 minuti. Successivamente filtrare e bere. Per aumentare il suo effetto benefico sullo stomaco e rendere più piacevole la bevanda si consiglia di aggiungere alla radice di zenzero anche foglie di Menta e di Verbena.
  • Estratto secco (e.s.): in commercio si trova all’interno di capsule, compresse, sciroppi e integratori. Titolato in olio essenziale (min. 0,8%, British Herbal Pharmacopoeia) o in gingeroli (min. 4%, Farmacopea tedesca).
  • Gocce: in Tintura Madre, realizzata da rizoma essiccato, con un titolo alcolico di 65°. Si assumono 30 gocce, diluite in mezzo bicchiere d’acqua, da 1 a 3 volte al giorno.
  • Olio essenziale: ottimo per profumare e purificare l’aria degli ambienti. Tonico generale, dal potere energizzante. Adeguatamente diluito in una crema neutra o in un olio vegetale si può utilizzare per massaggi riscaldanti e stimolanti la circolazione, risultando un utile rimedio per il recupero muscolare e per dare forza ai capelli.

Fonti:

  • Mowrey D.B., 1982, Lancet, 8273-655.
  • Capasso F. 2011, cit., p.177.
  • Borelli F., Capasso R., et al., 2005, Effectiveness and safety of ginger in the treatment of pregnancy-induced nausea and vomiting. Obstet Gynecol. Review.
  • Sameh S. Z., Basim A. S., et al., 2015. Assessment of Protective Effects of Extracts of Zingiber officinale and Althaea officinalis on Pyloric Ligation-Induced Gastric Ulcer in Experimental Animals.
  • Campanini E., 2014, Dizionario di Fitoterapia e Piante Medicinali, Tecniche Nuove, p.895-901.
Erbecedario Erboristeria online: vendita prodotti naturali, artigianali ed italiani

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

    Lascia una risposta

    COMMENTI RECENTI