Ricetta delle frittelle di Carnevale

ricetta-frittelle-carnevale-tonde-con-uvetta.jpg

Il Carnevale è sinonimo di mascherine, festa, allegria e naturalmente di frittelle!! Queste dolci e prelibate palline fritte sono state inventate per le strade di Venezia durante il medioevo e da allora sono uno dei simboli di questa festa! Che si organizzi una festa in famiglia o che si tratti di un evento in maschera le frittelle non possono mancare e rappresentano a pieno il vero spirito del Carnevale. 

Prepara pentole, fruste, cucchiai, stringi la traversa ed immergiti in questa ricetta per gustare le frittelle più deliziose di sempre.

Ricetta Frittelle di carnevale tonde con uvetta

Autore:

 frittelle rotonde di carnevale


Partiamo col dire che non esiste una vera e propria ricetta originale in quanto ci sono diverse varianti di frittelle, ogni regione, ogni paese e persino ogni famiglia ha la propria versione. Esistono le frittelle di carnevale sarde (a spirale), frittelle marchigiane (piatte), frittelle siciliane, le zeppole, i favetti, le frittelle veneziane (con uvetta, pinoli ma a volte anche farcite con crema pasticcera). Ed alcune ricette possono cambiare anche solo per alcuni ingredienti e quindi esistono frittelle con patate, con ricotta, con lievito di birra, con farina manitoba, con semolino, con le mele, ripiene di crema pasticcera o vuote dentro, con gocce di cioccolato, al limone, senza latte, senza glutine, senza uova, senza latte, vegane e molte altre. Insomma ce ne sono davvero per tutti i gusti ed ogni variante porta con sé un sapore unico. 

Noi proponiamo la ricetta delle frittelle con l’uvetta, fatte con un impasto di ricotta, farina, uova, frumina e lievito al quale viene aggiunta una generosa quantità di uvetta ammollata nella grappa.  L’impasto viene poi fritto fino a doratura e infine cosparso di zucchero a velo. Si ottengono così delle palline fritte, croccanti all’esterno e soffici all’interno, con l’uvetta che le dona un tocco di dolcezza. Una delizia che davvero non può mancare a Carnevale. 

Tempo di preparazione: 50 minuti

Ingredienti per circa 40-50 frittelle

  • 500 g di ricotta
  • 200 g di farina 00 setacciata
  • 200 g di zucchero
  • 75 g di uva passa
  • 100 ml di grappa
  • 3 cucchiai di frumina
  • 16 g lievito in polvere per dolci
  • 4 uova
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bustina di vanillina
  • Olio per friggere le frittelle: olio di arachidi

Quale olio usare per friggere le frittelle? 

Il più adatto per friggere è sicuramente l’olio extravergine di oliva perché ha un più alto punto di fumo (ovvero la temperatura che un olio non deve mai superare per non bruciare). Ma il suo sapore intenso interferisce con il gusto delle frittelle dolci e per questo motivo si sceglie l’olio di arachidi, anch’esso ha un’alta resistenza ma un sapore molto più delicato che lo rende più adatto alle fritture dolci.

Procedimento passo-passo

Mettere l’uva passa nella grappa e lasciare da una parte a macerare.

macerare uva passa nella grappa

Setacciare con un colino tutta la ricotta. Questo processo permetterà poi alla ricotta di amalgamarsi meglio con gli altri ingredienti.

setacciare-ricotta-con-colino.jpg

Separare gli albumi dai tuorli delle uova.

separare bianco da rosso delle uova

Aggiungere ai tuorli lo zucchero e mescolare bene fino a ottenere la consistenza di una crema.

miscelare tuorlo uova e zucchero miscelare tuorlo uova e zucchero

Aggiungere quindi la farina (preventivamente setacciata) un po’ alla volta e continuare a mescolare.

aggiungere farina setacciata

Successivamente aggiungere la ricotta, la frumina setacciata, il lievito setacciato e mescolare bene.

mescolare ingredienti

Scolare l’uva passa dalla grappa e aggiungere all’impasto.

aggiungere uva passa a impasto frittelle dolci aggiungere uva passa a impasto frittelle dolci

Mettere l’olio in una pentola dai bordi alti e accendere la fiamma.

scaldare olio per friggere in padella

Mettere un pizzico di zucchero negli albumi e montare a neve.

 montare-a-neve-albumi-uovo.jpg  montare-a-neve-albumi-uovo.jpg

Quindi aggiungere all’impasto gli albumi montati a neve, una bustina di vanillina e un pizzico di sale. Mescolare bene il tutto.

aggiungere albumi a neve a impasto frittelle

Armarsi di due cucchiai, uno con cui prendere l’impasto e l’altro per aiutarsi a spingerlo nell’olio bollente.

fare frittelle tonde da friggere

Come sapere quando è alla temperatura giusta per friggere? La giusta temperatura per friggere è tra 160°C e 180°C. Per essere sicuro che l’olio sia alla temperatura giusta utilizza un termometro da cucina. Effettua poi un semplice test buttando nell’olio un po’ di impasto. Se questo rimarrà a galla e verrà circondato da bollicine l’olio è pronto se invece l’impasto affonda l’olio non è abbastanza caldo.

friggere frittelle carnevale in padella

Riempire di “palline di impasto” la pentola e lasciare friggere fino a che le frittelle non avranno raggiunto un bel colorito dorato. Regolare la fiamma, non utilizzare una fiamma troppo alta per non rischiare che all’interno le frittelle risultino ancora crude.

 frittelle dolci di carnevale rotonde fritte in olio  frittelle dolci di carnevale rotonde fritte in olio

Una volta pronte, pescare le frittelle con un mestolo forato e adagiarle su della carta assorbente.

 pescare le frittelle con la schiumarola e farle asciugare in carta assorbente  pescare le frittelle con la schiumarola e farle asciugare in carta assorbente

Le frittelle sono pronte!

frittelle tonde di carnevale sono pronte

Lasciale raffreddare un po’ e cospargile con dello zucchero a velo. Ora sono pronte da servire ma soprattutto da gustare! Attenzione: creano dipendenza, sono troppo buone!

aggiungere zucchero a velo su frittelle

Questo articolo si basa sull’uso popolare tradizionale e sulla letteratura scientifica. Le informazioni ed i consigli presenti non sono di natura prescrittiva o curativa, ma hanno solo uno scopo informativo.

I prodotti consigliati dagli Erboristi di Erbecedario
Vendita online prodotti e rimedi naturali contro stanchezza erboristeria Erbecedario Prodotti naturali erboristici per diverse esigenze di benessere Consulenza gratuita con le Erboriste di Erbecedario

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

    Lascia una risposta