Approfondimenti

Le erbe medicinali preferite da Don Zocca

erbe officinali Don Zocca Sprea (VR)

Sprea…un luogo ancora intatto della Lessinia Orientale a circa 900 metri di altitudine, dove l’uomo da sempre lavora e vive in armonia con la natura, dove nei prati occhieggiano erbe officinali di assoluta qualità e ricchezza di principi attivi.

A Sprea (VR) l’utilizzo delle erbe officinali fa parte del vivere quotidiano da moltissimi anni e deriva dalla figura di Don Luigi Zocca, il famoso parroco erborista meglio noto come “el prete da Sprea”, che trascorse qui molti anni della sua vita (dal 1918 al 1951) occupandosi, oltre che delle funzioni religiose, anche della salute delle persone.

Affidandosi al proprio intuito ed alla profonda conoscenza della Vis Medicatrix Naturae (forza medicatrice della natura), egli dispensava gratuitamente consigli a chiunque si presentasse a lui sull’uso di fiori, scorze, radici e foglie, diventando in pochi anni il punto di riferimento per molti sofferenti della zona ed oltre, e facendo di Sprea il paese delle erbe per eccellenza.

Quali sono le erbe predilette di Don Zocca?

Tra le erbe medicinali, quelle che Don Zocca utilizzava sono quelle della flora locale, che crescevano spontanee nei prati e nei boschi di Sprea e che le signore del luogo raccoglievano e conservavano in modo sapiente.

Tra le principali ricordiamo le seguenti.

Catiorà (Stachys recta L.): è una delle piante più importanti della tradizione erboristica locale, il cui impiego è ancora diffuso in alcune famiglie della zona. Si respirano i fumi del decotto in quanto aiutano a liberare le vie respiratorie chiuse. Don Zocca la consigliava molto in caso di sinusite.

Assenzio (Arthemisia absinthium L.): erba medicinale molto conosciuta e di grande uso popolare. Oltre a crescere spontanea, a Sprea alcuni abitanti erano soliti coltivarla in un angolo dell’orto. E’ conosciuta con il nome popolare di menego maistro ossia “medico maestro”, in quanto in passato era ritenuta una vera e propria panacea: i vecchi erano abituati a masticarne ogni giorno qualche fogliolina quale elisir di lunga vita ed, oltre che per l’uomo, era usata anche per il trattamento di molte malattie animali, per disinfettare le stanze dei malati e i pollai gettandone grandi quantità sul pavimento. Il prete da Sprea utilizzava l’Assenzio in virtù delle sue proprietà amaro-toniche, digestive, vermifughe e febbrifughe.

Borsa del pastore (Capsella bursa-pastoris L.): oggi poco nota, si tratta di una pianticella che cresce spontanea un po’ ovunque. Per la sua azione astringente veniva impiegata dal prete in caso di dissenteria e per cicatrizzare le ferite. Don Zocca la inseriva spesso anche in ricette per regolare la pressione arteriosa.

Equiseto (Equisetum arvense L.): chiamata anche coda cavallina si tratta di un’erba che si incontra facilmente a Sprea lungo gli argini delle strade. Era una delle piante più importanti per Don Zocca che la utilizzava per le sue proprietà depurative, diuretiche e remineralizzanti.

Iperico (Hypericum perforatum L.): è una piantina con fiorellini di colore giallo oro, caratterizzata dalla presenza sui petali e sulle foglie di punti neri. Il nome dialettale è erba di San Giovanni in quanto il momento ideale per raccogliere l’Iperico è il solstizio d’estate, giorno appunto dedicato a San Giovanni Battista. Si tratta di un’erba ricca di storie e leggende, utilizzata dal prete da Sprea per le sue proprietà benefiche sul sistemo nervoso, antisettiche e pettorali. Non si può fare a meno di citare l’unguento di Iperico, noto all’epoca come “olio rosso”, un vero toccasana che Don Zocca consigliava come lenitivo e decongestionante in caso di reumatismi e dolori artro-muscolari.

Noce (Juglans regia L.): durante la bella stagione Don Zocca era solito ricevere le persone all’ombra di un grosso noce che si trova tutt’oggi in piazza a Sprea. E’ una pianta che egli amava molto e che, grazie alle sue proprietà astringenti e depurative, consigliava per vari disturbi della pelle ed in caso di stasi linfatiche.

Achillea (Achillea millefolium L.): graziosa pianticella che possiede fiori simili a mazzetti di colore bianco o lievemente rosa e foglie assai suddivise, da qui il nome millefoglio.
A questa erba vengono riconosciute proprietà astringenti, emostatiche, lenitive e favorenti la circolazione. Don Zocca la utilizzava in caso di ferite, piccoli tagli, ulcere, emorroidi e per contrastare i disturbi del ciclo mestruale.

Timo (Thymus serpillum L.): quello che cresce spontaneo nei territori di Sprea è il timo serpillo e non il timo volgare. Si tratta di un’erba tanto piccola quanto preziosa, dal caratteristico profumo aromatico. Grazie alle sue proprietà purificanti, balsamiche, tonificanti e digestive Don Zocca la consigliava soprattutto per il benessere delle vie respiratorie, delle vie urinarie e per disturbi di stomaco ed intestino.

 

Nei suoi rimedi Don Zocca consigliava queste ed altre erbe abbinandole in modo diverso in vere e proprie “ricette” fatte su misura, scritte al momento su pezzi di carta volanti.

Queste “ricette”, quando conservate dalle persone, sono l’unica testimonianza delle sue esperienze. Infatti per modestia, noncuranza o forse a causa della sua morte improvvisa Don Zocca non affidò i suoi saperi a libri e manoscritti e non lasciò nulla di scritto.

 

Dall’eredità e dagli insegnamenti di Don Zocca nasce Erbecedario, con lo scopo di valorizzare un territorio ricco di erbe officinali e di conoscenza dal sapore antico che altrimenti sarebbero state perse, offrendole in chiave moderna ed attuale a tutti coloro che credono nel benessere naturale.

È così che dal 2001 nei nostri laboratori di Sprea produciamo prodotti erboristici, artigianali ed italiani, utili per il benessere e la bellezza della persona.

Accanto alla tradizionale e storica erboristeria di Sprea, dal 2017 siamo presenti anche on line con il nostro e-commerce e con il nostro blog con lo scopo di diffondere sempre più filosofia di “Stare bene ed in salute con la Natura” e quindi la conoscenza delle erbe e del loro benefico uso.

Fonti:

  • Zampiva, 2002, Prete da Sprea Erborista del Signore, La Grafica Editrice.

Schede Erbe:
Per maggiori informazioni sulle Erbe presenti sull’articolo cliccare sui seguenti link:

Erba CatioràStachys recta L.
AssenzioArtemisia absinthium L.
Borsa del pastoreCapsella bursa pastoris Moench.
EquisetoEquisetum arvense L.
IpericoHypericum perforatum L.
AchilleaAchillea millefolium L.
NoceJuglans regia L.
TimoThymus vulgaris L.
 

Questo articolo è a puro scopo informativo, si basa sull’uso popolare tradizionale e sulla letteratura scientifica, e non vuole essere in alcun modo di natura prescrittiva. Prima dell’utilizzo di qualsiasi rimedio naturale chiedere consiglio al proprio medico curante.

 

IMMAGINE: erbe-officinali-don-zocca-sprea.jpg

ALT: erbe officinali Don Zocca Sprea (VR)

Erbecedario Erboristeria online: vendita prodotti naturali, artigianali ed italiani

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

    Lascia una risposta

    COMMENTI RECENTI