Perché il caffè fa passare il mal di testa?

caffè fa passare mal di testa

Il caffè, tra i piaceri più apprezzati dagli italiani, ha la capacità di tenere svegli, potenziare l’attenzione e ridurre sensazione di stanchezza, ma sapevi che può essere uno dei metodi naturali contro il mal di testa

In questo articolo, esploreremo il ruolo della caffeina e come il caffè può essere utilizzato in modo efficace contro questa problematica. 

Caffeina e mal di testa

La caffeina è il principio attivo principale del caffè e può giocare un ruolo importante nel trattamento del mal di testa. Questo perché è un vasocostrittore, ovvero ha la capacità di restringere i vasi sanguigni

Questa particolare azione aiuta in caso il mal di testa sia causato dalla vasodilatazione dei vasi sanguigni. Il restringimento dei vasi può ridurre la pressione nel cranio e, di conseguenza, alleviare il dolore. 

Azione antidolorifica del caffè

Il caffè non solo agisce direttamente contro il mal di testa, ma può anche potenziare l’effetto di alcuni farmaci antidolorifici. Questo è il motivo per cui la caffeina è spesso presente come ingrediente in diversi trattamenti contro l’emicrania e altri tipi di male alla testa, proprio grazie a questa sua capacità di amplificare l’effetto analgesico dei medicinali. 

Tipi di mal di testa e caffè

Il caffè non è da considerarsi come una panacea per ogni tipo di dolore alla testa. In alcune circostanze, come ad esempio nel mal di testa da tensione o in alcune forme di emicrania, il caffè potrebbe non essere efficace o addirittura peggiorare il dolore. È quindi fondamentale comprendere la causa del proprio mal di testa e consultare il medico se i sintomi persistono o si aggravano.

Come prendere il caffè per far passare il mal di testa?

  • Scegli un caffè giusto: opta per un classico caffè espresso, non decaffeinato. Come abbiamo detto, la caffeina è l’ingrediente chiave che può aiutare a ridurre il mal di testa. 
  • Bevi caffè moderatamente: non esagerare con il caffè. Una tazza può essere sufficiente. Troppa caffeina può peggiorare il mal di testa, causare nervosismo e disturbare il sonno. 
  1. Tempistica: bevi il caffè non appena inizi a sentire i sintomi di mal di testa. La caffeina impiega circa 30 minuti per fare effetto
  2. Considera l’aggiunta di zucchero o latte: a seconda delle tue preferenze, puoi bere il caffè amaro o aggiungere zucchero, miele o latte al caffè. Questo può rendere la bevanda più gradevole e ne può ridurre l’acidità. Tra i rimedi della nonna c’è quello di bere caffè e limone. Ma perché il limone? Si ipotizza che, grazie alla presenza di acido citrico, il limone faciliti la trasformazione della caffeina, migliorandone l’assimilazione nell’intestino. 
  3. Bevi acqua: accompagna il caffè con un bicchiere d’acqua. La disidratazione può essere una causa di mal di testa, quindi è importante rimanere idratati. 
  4. Evita il caffè nel tardo pomeriggio / sera: bere il caffè troppo tardi nella giornata può interferire con il suo sonno, che a sua volta può peggiorare o causare il mal di testa.  
  5. Considera altri fattori: se il mal di testa persiste nonostante il consumo di caffè, considera altri fattori come fame, stress, tensione oculare o postura scorretta.

In conclusione, il caffè fa bene può essere un utile alleato naturale che toglie il mal di testa grazie alla sua capacità di restringere i vasi sanguigni. La saggezza nell’uso dei rimedi naturali e la comprensione della propria condizione sono essenziali per sfruttare appieno i suoi benefici. 

Questo articolo si basa sull’uso popolare tradizionale e sulla letteratura scientifica. Le informazioni ed i consigli presenti non sono di natura prescrittiva o curativa, ma hanno solo uno scopo informativo.

Fonti: 

Scopri di più
I prodotti consigliati dagli Erboristi di Erbecedario
Vendita online prodotti e rimedi naturali contro stanchezza erboristeria Erbecedario Prodotti naturali erboristici per diverse esigenze di benessere Consulenza gratuita con le Erboriste di Erbecedario

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

    Lascia una risposta