Approfondimenti

Le proprietà tonificanti e dimagranti dell’alga Fucus vesiculosus

Fucus Vesiculosus o Alga Bruna

Con l’inizio della bella stagione si sente il desiderio di rimettersi in forma e per avere un corpo tonico e leggero spesso si fa ricorso a integratori alimentari a base di Fucus, uno dei rimedi naturali considerati più efficaci per dimagrire ma il cui uso non è adatto a tutti e deve essere comunque fatto con molta attenzione.

Quando e come utilizzare il Fucus? Qual è la dose giornaliera raccomandata? Meglio assumerlo prima o dopo i pasti? Fa male? È pericoloso? A chi è controindicato? Quali sono i pro ed i contro del Fucus?

Scopri tutte le risposte nel seguente articolo in cui parliamo delle sue proprietà, dei suoi benefici, dei suoi effetti collaterali e delle sue controindicazioni.

Che cos’è il Fucus o Alga Bruna?

Il fucus usato in erboristeria è il Fucus vesiculosus. Non è una pianta, ma si tratta di un’alga marina che prospera nei mari temperato-freddi del Mar Baltico, del Mare del Nord e delle coste dell’Oceano Atlantico e del Pacifico dove cresce sugli scogli sommersi in quanto non riesce a sopravvivere più di 5-6 ore senza acqua. È chiamata anche alga bruna o quercia marina per il suo aspetto caratteristico. Infatti il tallo, di colore verde oliva, molle e appiattito, può arrivare fino a 2 metri di lunghezza ed è cosparso di vescicole globulose piene di aria, che fanno galleggiare l’alga mantenendola in posizione verticale.

Il fucus è una fonte eccezionale di iodio, sia minerale sia in forma organica. Contiene inoltre mucopolisaccaridi (tra cui spicca l’acido alginico), polifenoli, vitamine (soprattutto B1, C, E), polifenoli, tannini, steroli vegetali, pigmenti vegetali (fucoxantina, betacarotene) sali minerali ed oligoelementi (bromo, potassio, sodio, magnesio, ferro).

A cosa serve, proprietà e benefici

A che cosa fa bene? Le proprietà dell’alga Fucus sono legate principalmente alla sua ricchezza di iodio

Questo minerale infatti, una volta assunto il prodotto, è assimilato facilmente dall’organismo ed entra in contatto con la tiroide, stimolando la sua attività ed in particolare la produzione degli ormoni tiroidei tiroxina e triiodotironina

Questi a loro volta hanno un’azione accelerante sul metabolismo basale, aumentando quindi il dispendio di energia e riducendo la sintesi dei grassi

Per questo motivo il fucus è utile come coadiuvante nelle diete ipocaloriche in caso di sovrappeso, nel contrastare la ritenzione idrica e la comparsa degli inestetismi della cellulite

Completano l’azione i mucopolisaccaridi e le mucillagini, i quali una volta raggiunto lo stomaco, tendono ad assorbire acqua trasformandosi in una massa gelificata il cui volume contribuisce al senso di sazietà, diminuendo quindi lo stimolo della fame e permettendo un minore apporto calorico.

Oltre ad essere un valido rimedio naturale per favorire il controllo del peso corporeo il Fucus, sempre in funzione delle mucillagini contenute, possiede anche proprietà blandamente lassative e protettive sulle mucose dello stomaco.

Controindicazioni

Avendo un’azione stimolante sulla tiroide è controindicato nelle persone con ipertiroidismo, problemi cardiaci e nelle persone in trattamento farmacologico con ormoni tiroidei. È bene seguire il dosaggio giornaliero e le modalità d’uso consigliate e valutare, durante il suo uso, la funzionalità della tiroide, proprio per evitare una sua iperstimolazione e fenomeni di tireotossicosi, disturbi caratterizzati da palpitazioni, insonnia ed agitazione.

Sconsigliato in gravidanza, allattamento e durante l’età pediatrica.

Infine occorre porre attenzione al fatto che il Fucus, come per tutte le alghe, possono accumulare metalli pesanti con rischio di tossicità.

Come si usa, quando, posologia

Si possono utilizzare prodotti naturali in soluzione idroalcolica (tintura madre) nella quantità di 60 gocce 2 volte al giorno, oppure capsule, compresse o integratori alimentari liquidi a base di polvere/estratto secco di Fucus.

Per un effetto sinergico può essere abbinato a rimedi naturali drenanti come Pilosella e Betulla.

Dopo quanto fa effetto il Fucus? Funziona? Quando si vedono i primi risultati?

La sua azione “che si inizia a evidenziare dopo almeno 3 settimane si localizza principalmente nelle sedi maggiormente ricche di tessuto adiposo (fianchi, cosce, etc)” (E. Campanini, Dizionario di fitoterapia e piante medicinali, Milano 2012). 

Si consiglia di utilizzare integratori a base di Fucus per cicli periodici (circa due mesi) intervallati da una breve sospensione del trattamento, valutando i benefici e lo stato di benessere del corpo.

Fonti:

  • Campanini E., 2014, Dizionario di fitoterapia e piante medicinali, Tecniche Nuove. 

Schede Erbe:

Per maggiori informazioni sulle Erbe presenti sull’articolo cliccare sui seguenti link:

Fucus, Fucus vesiculosus L.
Betulla, Betula alba L.
Pilosella, Hieracium pilosella L.

Questo articolo si basa sull’uso popolare tradizionale e sulla letteratura scientifica. Le informazioni ed i consigli presenti non sono di natura prescrittiva o curativa, ma hanno solo uno scopo informativo. 

Prodotti naturali erboristici per diverse esigenze di benessere Tisane Naturali, Decotti e Infusi Erbe Erboristeria Erbecedario Borraccia termica con infusore acciaio inox e bambù Erbecedario Erboristeria online: vendita prodotti naturali, artigianali ed italiani
 

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

    Lascia una risposta

    COMMENTI RECENTI