Approfondimenti CATEGORIE

I vari tipi di Rosa utilizzabili in Erboristeria

Tipi rose erboristeria rimedi naturali

Da sempre Maggio è considerato il mese delle rose, rosse, bianche, colorate, regine indiscusse di prati e giardini ma anche protagoniste tra i rimedi naturali. Foglie, fiori e bacche sono infatti utilizzati a scopo salutistico o cosmetico fin dall’antichità ed ancora oggi alla base di molti prodotti di bellezza o prodotti erboristici c’è proprio la rosa. Ecco benefici, proprietà ed usi delle specie più famose.

Varietà e tipologie di rose usate in erboristeria

Esistono numerose varietà di rose, ma non tutte sono impiegate in erboristeria o nella cosmesi naturale. Le specie più note con proprietà benefiche sono le seguenti.

Rosa canina

È la specie di rosa spontanea più comune in Italia, dove cresce per lo più nei luoghi incolti ed ai margini dei boschi. Le parti che di solito vengono utilizzate sono le bacche dette anche cinorrodi e le gemme. Le bacche sono note per la loro ricchezza in vitamina C che insieme alle altre sostanze presenti (flavonoidi, tannini, carotenoidi ed antociani) conferiscono proprietà antiossidanti, rinforzanti e protettive del microcircolo. Tisane (vedi anche tisana alla rosa canina), soluzioni idroalcoliche ed integratori a base di estratti derivati dalle bacche sono quindi utili per aiutare a contrastare la formazione di radicali liberi ed in caso di stanchezza, convalescenza e fragilità capillare. Per uso esterno le bacche, grazie alla loro azione lenitiva sulla pelle e vaso-protettrice, rientrano in formulazioni di prodotti per pelli sensibili e delicate. Con le bacche di Rosa canina si prepara inoltre una buonissima marmellata. Le gemme invece sono utilizzate per ottenere il gemmoderivato o soluzione idrogliceroalcolica, considerato un valido rimedio naturale per supportare le naturali difese immunitarie e la fisiologica funzionalità dell’apparato respiratorio, anche in età pediatrica.

Rosa damascena

Denominata anche rosa bulgara in quanto uno dei principali luoghi in cui viene coltivata è la Bulgaria, più precisamente a Kazanlik nella “valle delle Rose”. L’altro luogo famoso per la coltivazione della rosa damascena è la valle di Isparta, in Turchia.

Nota per il suo inebriante profumo, questo tipo di rosa è la più importante per la produzione del pregiato olio essenziale e della famosa “acqua di rose”, due prodotti che si ottengono dalla distillazione in corrente di vapore dei petali freschi. La preparazione di questo olio essenziale richiede molto lavoro e ha una resa molto bassa, infatti servono circa quattro tonnellate di petali per ottenere un chilo di olio essenziale ed è proprio questo il motivo per cui l’olio essenziale di rosa ha prezzi molto elevati. E’ uno dei prodotti più utilizzati nella profumeria, rientra inoltre nella formulazione di molti cosmetici per le sue proprietà lenitive ed equilibranti sulla pelle. In aromaterapia può essere diffuso negli ambienti per favorire l’equilibrio emotivo e predisporre al buonumore. Impiegato anche in bagni rilassanti. L’acqua di rose è invece uno dei prodotti di bellezza più amati. Ottima per il viso come tonico dall’effetto lenitivo, rinfrescante, lenitivo e tonificante può essere utilizzata anche per il corpo e per i capelli.

Rosa rubiginosa

Meglio conosciuta con il nome di Rosa mosqueta, questa è una varietà che cresce spontaneamente in Sud America, principalmente in Cile e Perù. Dalla spremitura a freddo dei semi si ottiene l’olio di rosa mosqueta, un olio vegetale ricco di acidi grassi polinsaturi e vitamine A, E e K. Grazie a questi componenti l’olio di rosa mosqueta svolge sulla cute proprietà rigeneranti, antiossidanti, elasticizzanti, nutritive ed emollienti. Valido alleato naturale per mantenere la pelle del viso giovane e compatta, per migliorare l’aspetto della pelle in caso di cicatrici e smagliature, ed in caso di pelle secca, sensibile ed arrossata.

Rosa centifolia e Rosa gallica

I petali ed i boccioli di queste due varietà di rose vengono impiegati nella tradizione erboristica sottoforma di infusi e sciroppi come astringenti intestinali e per favorire il benessere del cavo orale e delle prime vie respiratorie. Da entrambe si può ottenere per distillazione in corrente di vapore dei fiori l’olio essenziale e l’acqua di rose, utilizzate in cosmesi per il loro effetto lenitivo sulla pelle o in profumeria per completare la nota olfattiva della Rosa damascena.

Schede Erbe:

Per maggiori informazioni sulle Erbe presenti sull’articolo cliccare sui seguenti link:

Rosa CaninaRosa canina L. 

Questo articolo è a puro scopo informativo, si basa sull’uso popolare tradizionale e sulla letteratura scientifica, e non vuole essere in alcun modo di natura prescrittiva. Prima dell’utilizzo di qualsiasi rimedio naturale chiedere consiglio al proprio medico curante.

Erbecedario Erboristeria online: vendita prodotti naturali, artigianali ed italiani

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

    Lascia una risposta

    COMMENTI RECENTI