Approfondimenti

I benefici del massaggio sul neonato

Massaggio neonatale infantile

Spesso ci si avvicina al massaggio neonatale con dei dolci massaggi addominali, allo scopo di donare sollievo al pancino del bambino durante le classiche “coliche”.

Ma massaggiare in modo corretto e regolare il bambino ha molti altri effetti benefici.

Massaggio neonatale: a cosa serve e benefici

L’esperienza di molti genitori e svariati studi scientifici confermano gli effetti benefici fisici e psicologici del massaggio infantile sullo sviluppo del bambino:

  • Favorisce la comprensione dell’estensione totale del proprio corpo nello spazio
  • Migliora la coordinazione dei movimenti
  • Favorisce la connessione tra le cellule del cervello
  • Stimola il sistema nervoso
  • Favorisce la regolarità intestinale (può essere un aiuto in caso di coliche gassose e stitichezza)
  • I movimenti calmi e ritmici delle mani regolano la respirazione, favorendo il rilassamento e l’equilibrio del ritmo sonno-veglia. Il massaggio infatti induce la produzione di benefici ormoni come endorfina, prolattina e ossitocina contrastando invece la produzione di ormoni legati allo stress
  • Promuove lo scambio di messaggi affettivi sia attraverso le parole che attraverso i gesti che faranno sentire il bambino amato e ascoltato.
  • Aiuta il bimbo a dormire in modo più sereno e tranquillo.

Come eseguire il massaggio

Ecco una sequenza di tre semplici step:

  1. La tecnica base prevede di appoggiare la mano (palmo e dita) senza premere ma accarezzando delicatamente tutta la pelle del corpo.
  2. Dopo aver appreso la tecnica base con il semplice peso delle mani rilassate sulla pelle si eseguono delle frizioni, riuscendo a percepire i muscoli del bambino.
  3. In questo ultimo step si preme un po’ di più massaggiando delicatamente i muscoli per favorirne il rilassamento.

Piccole attenzioni da avere prima di iniziare:

  • Scaldare bene l’ambiente, soprattutto in inverno, poiché il bambino sarà nudo. Mettere dei calzini se le dita dei piedini cominciano a raffreddarsi.
  • Aumentare la cura delle proprie mani, tagliare le unghie e scaldare un po’ le mani prima di eseguire il massaggio.
  • Porre attenzione alla temperatura dell’olio che si decide di utilizzare. In caso si può scaldare sfregandolo tra le mani oppure lasciandolo per qualche minuto a bagnomaria.
  • Abbassare le luci della stanza e rendere l’ambiente rilassante.

Esistono diverse tecniche di massaggio per neonati che si possono apprendere attraverso specifici corsi.

Ci si può iscrivere ad un corso contattando un insegnante A.I.M.I. (Associazione Italiana Massaggio Infantile). I corsi si possono svolgere sia in gruppo che in modo individuale.

Quando si può eseguire il massaggio?

Si possono eseguire dei massaggi sul bambino già dopo 15 giorni dalla nascita, in quanto soprattutto all’inizio si tratta di accarezzare la pelle in modo delicato. Dopo i 4 mesi il massaggio si evolverà in un massaggio-ginnastica, più giocoso e stimolante.

Il momento ideale per eseguire il massaggio del neonato è dopo il bagnetto. Ad ogni modo l’orario del massaggio è libero, non deve essere un impegno ma un momento di piacere sia per i genitori che per i bimbi.

Quali prodotti utilizzare?

Per praticare i massaggi sul neonato non è necessario usare prodotti specifici.

Basta infatti un buon olio da massaggio vegetale (come l’olio di mandorle dolci) che permetterà al massaggio di essere più dolce sulla pelle stimolando i sensi come tatto e olfatto.

Fonti:

Erbecedario Erboristeria online: vendita prodotti naturali, artigianali ed italiani

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

    Lascia una risposta

    COMMENTI RECENTI