Approfondimenti

Come depurare il fegato

come-depurare-fegato

La salute del nostro organismo dipende in gran parte da un’efficace eliminazione di tutte le sostanze tossiche che accumuliamo: dall’inquinamento dell’aria con cui veniamo in contatto a tutti i prodotti alimentari industriali che consumiamo quotidianamente.

La disintossicazione è quindi molto importante perché può risolvere alcune problematiche del nostro organismo. Tra gli organi maggiormente interessati, è bene depurare il fegato, uno degli organi principali deputati all’eliminazione delle tossine presenti all’interno del corpo.

In presenza di un fegato intossicato, la prima cosa che ne risente è il metabolismo, con conseguenti difficoltà nella digestione soprattutto dei grassi.

Cause che possono portare Epatomegalia (ingrossamento del fegato)

Qui di seguito riportiamo alcuni fattori di rischio che possono compromettere la funzionalità epatica:

  • L’obesità, una dieta ricca di grassi saturi e alimenti trasformati;
  • L’abuso di alcol e di droghe;
  • L’uso continuo di determinati farmaci;
  • L’inquinamento di aria e acqua;
  • L’esposizione a sostanze chimiche industriali;
  • Malattie autoimmuni;
  • Steatosi epatica (accumulo di grassi nel fegato);
  • Epatite (A,B,C,D,E);
  • Tumore al fegato;
  • Cirrosi epatica (degradazione tessuto epatico);
  • Mononucleosi (Malattia del bacio);
  • Emocromatosi (accumulo eccessivo di ferro nell’organismo).

Sintomi e conseguenze del fegato ingrossato

Esistono alcuni sintomi evidenti di un fegato intossicato. I principali sono i seguenti:

  • Sensazione di pesantezza;
  • Gonfiore e gas intestinali;
  • Acidità di stomaco e reflusso;
  • Stipsi;
  • Occhi e/o pelle giallastri (sintomo di Ittero);
  • Fatica a perdere peso;
  • Sbalzi d’umore, ansia o depressione;
  • Acne;
  • Fatica, debolezza, malessere;
  • Sudorazione eccessiva;
  • Poco appetito.

Come ripulire il fegato

 E’ possibile migliorare il funzionamento del fegato, e sentirsi meglio già dopo poche settimane, attraverso una accurata depurazione.

Sono tre i passi principali per aiutare a disintossicare il fegato:

1. Acqua e limone per depurare il fegato

E’ essenziale bere acqua di qualità. Se si usa l’acqua di rubinetto, accertarsi della bontà della fonte da cui deriva l’acqua: è opportuno evitare le acque ricche di cloro e carbonio.

L’aggiunta di qualche goccia di limone, oltre a far diventare la bevanda più dissetante, renderà l’acqua più alcalina, contribuendo alla depurazione del fegato. Il limone, infatti contiene Vitamina C e sali minerali che stimolano molte funzioni corporee, aumentando l’eliminazione delle tossine e di conseguenza la depurazione.

La quantità ideale giornaliera di acqua è di otto bicchieri al giorno, circa due litri, cominciando dalla mattina. Due bicchieri prima di colazione stimolano la depurazione dell’organismo dalle tossine accumulate durante la notte.

2. Rimedi naturali per il fegato

Un buon modo per integrare acqua è anche consumare tisane depurative alle erbe, meglio se erbe che aiutino il fisiologico benessere del fegato.

Alcuni esempi:

  • Il Carciofo (Cynara scolymus L.): una delle principali erbe indicate per la aiutare la regolare funzione del fegato, in particolare molto usata in caso di fegato grasso e ipercolesterolemia;
  • Il Tarassaco (Taraxacum officinale Weber): erba amarotica, molto usata anche in passato come rimedio naturale per purificare il fegato. Utile per stimolare le funzioni del fegato, pancreas e intestino e quindi per eliminare le tossine, per disturbi digestivi e per lieve stipsi dovuta ad insufficienza epatica;
  • Cardo mariano (Sylibum marianum L.): utile in caso di fegato grasso, usato spesso in sinergia con il Carciofo. Usato per infiammazioni e ingrossamenti epatici, avvelenamenti e intossicazioni;
  • Bardana (Artium lappa L.): molto utile per purificare il fegato. Spesso usato in sinergia con Carciofo e Tarassaco. Particolarmente usato per problemi di dermatiti derivanti da problemi epatici.

3. Dieta disintossicante per il fegato

Per alleggerire il fegato non serve mangiare meno ma mangiare sano.  In particolare è bene prestare attenzione al tipo di grassi che si consumano. Ricordiamo infatti che il fegato lavora nella produzione di bile per il metabolismo degli stessi grassi.

Grassi sani come quelli contenuti nella frutta secca, mandorle, noci, anacardi, semi di canapa, chia e lino, ma anche olive e avocado non portano ad avere un fegato appesantito ma anzi ne aiutano il buon funzionamento; al contrario dei grassi animali che possono ostruire le arterie.

Cibi freschi e biologici sono alimenti che aiutano il fegato. E’ bene prediligere le verdure a foglia verde ricche di Magnesio, clorofilla e vitamine, cercando di evitare alimenti trattati con pesticidi, funghicidi ed erbicidi che possono andare a creare un accumulo di sostanze tossiche. Cibi come broccoli, cavoli, mele, cipolle, aglio sono ricchi di Vitamina A, C e Zolfo, sostanze utili per il fegato. Attenzione a non esagerare invece con i funghi che assorbono i metalli pesanti dal terreno e possono appesantire il fegato.

Ma quali sono le funzioni del fegato?

Il fegato viene considerato il filtro di pulizia del nostro corpo in quanto lavora incessantemente nella pulizia del sangue, producendo la bile, utile per digerire il grasso, equilibrare gli ormoni e nel sintetizzare Vitamine, minerali e ferro.

Queste le sue funzioni principali:

  • Elaborare i nutrienti che sono stati assorbiti dall’intestino in modo da renderli più disponibili per l’organismo;
  • Riequilibrare il contenuto di proteine, grassi e zuccheri nel sangue;
  • Abbattere e metabolizzare alcol e farmaci;
  • Eliminare i globuli rossi vecchi;
  • Produrre sostanze essenziali per la corretta coagulazione del sangue;
  • Produrre proteine essenziali per il nostro corpo ed il colesterolo;
  • Eliminare le tossine presenti nella circolazione sanguigna;
  • Favorire l’assorbimento di minerali, ferro e Vitamina A.

Tutto questo ci fa capire come sia importante il buon funzionamento di questo organo che di conseguenza regola anche la salute di tutto l’organismo.

 

Fonti: https://draxe.com/liver-cleanse/

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

    Lascia una risposta